Covid 19, il Presidente Conte firma il Dpcm 3 novembre 2020

ll Dpcm 3 novembre, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, prevede nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 in vigore dal 6 novembre.

La classificazione delle Regioni nelle diverse aree avviene attraverso Decreti legge o Ordinanze del Ministero della Salute, in base ai dati e alle indicazioni della Cabina di regia.

Versione testuale

DPCM 3 novembre 2020
Ulteriori misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica
da COVID-19

Infografica 1
Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale

CHIUSURE CENTRI URBANI
• divieto di circolazione dalle ore 22 alle 5 del giorno successivo ad eccezione di spostamenti motivati da esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute
• eventuale chiusura dei centri urbani, vie, piazze per tutta la giornata o in fasce orarie fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali aperti e alle abitazioni private

GIARDINI, PARCHI E PARCHI TEMATICI
• accesso a giardini, parchi e ville pubbliche condizionato al rispetto del divieto di assembramento (art.1, comma 8, primo periodo del decreto legge 16 maggio 2020 n.33), nonché della distanza di sicurezza di almeno 1 metro
• accesso alle aree gioco per attività ludica o ricreativa consentito ai minori, anche in compagnia di familiari
• sospensione delle attività dei parchi tematici e di divertimento

SPORT, PALESTRE E IMPIANTI SCIISTICI
• accesso consentito alle aree attrezzate e ai parchi pubblici, con distanza di almeno 2 metri per attività sportiva e di 1 metro per ogni altra attività
• sospensione di eventi e competizioni sportive, di sport individuali e di squadra in ogni luogo pubblico e privato
• consentiti gli eventi e le competizioni riguardanti gli sport individuali e di squadra riconosciuti di interesse nazionale o regionale dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) e dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP)
• consentite a porte chiuse le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti o non-professionisti di sport individuali o di squadra
• sospensione delle attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali, eccezion fatta per quelle attività rientranti nei livelli essenziali di assistenza e di riabilitazione e per il mantenimento dell’efficienza del comparto Difesa, Sicurezza e Soccorso pubblico
• divieto di sport di contatto per attività dilettantistica di base nonché per tutte le gare, competizioni e attività anche aventi carattere ludico-amatoriale
• obbligo di test molecolare per atleti, tecnici, giudici e commissari di gara provenienti da paesi per i quali è vietato l’ingresso o è prevista la quarantena
• chiusura degli impianti sciistici

MANIFESTAZIONI PUBBLICHE
• svolgimento di manifestazioni pubbliche solo in forma statica e con rispetto delle distanze sociali prescritte

CENTRI CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVI, SALA GIOCHI E SCOMMESSE
• sospensione delle attività dei centri culturali, sociali e ricreativi
• sospensione delle attività di sale giochi, scommesse, sale bingo e casinò

Infografica 2
Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale

MUSEI E LUOGHI DI CULTURA, TEATRI, CINEMA, E SALE DA BALLO

• sospensione degli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, da concerto, sale cinematografiche e altri spazi, anche all’aperto
• sospensione delle mostre, dei musei, degli istituti e dei luoghi di cultura
• sospensione delle attività che hanno luogo in sale da ballo o discoteche all’aperto o al chiuso.

CERIMONIE, FESTE, ABITAZIONI PRIVATE
• divieto di feste in luoghi al chiuso e all’aperto, comprese quelle legate a cerimonie civili e religiose
• raccomandazione a non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo per esigenze lavorative e per situazioni di necessità e urgenza

CONVEGNI E CONGRESSI, SAGRE E FIERE
• sospensione delle attività congressuali, eventi e convegni ad eccezione di quelle che si svolgono a distanza
• sospensione di fiere e sagre locali ad esclusione delle manifestazioni fieristiche di livello nazionale e internazionale

LUOGHI DI CULTO
• accesso ai luoghi di culto consentito evitando assembramenti e rispettando la distanza di almeno 1 metro
• svolgimento di funzioni religiose nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo

SCUOLA E UNIVERSITA’
• adozione di forme di didattica a distanza alternata a quella in presenza, con diversificazione dell’orario di entrata e uscita degli studenti per le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, attività didattiche consentite agli istituti di formazione dei Ministeri dell’interno, difesa, economia, finanze, giustizia e del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica
• sospensione degli organi collegiali e delle istituzioni scolastiche. Tali attività sono consentite solo a distanza nel rispetto dei principi di segretezza e libertà nella partecipazione ad elezioni
• sospensione dei viaggi di istruzione, iniziative di scambio o gemellaggio e attività fuori sede degli studenti (teatro o mostre)
• predisposizione da parte delle Università di piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione delle esigenze in base all’andamento del quadro pandemico territoriale
• piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione delle esigenze formative tenendo conto dell'evoluzione del quadro pandemico territoriale, attivazione di eventuali turni pomeridiani con ingresso a partire dalle ore 9
• sospensione delle prove selettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione di quelle in cui la valutazione è effettuata su basi curriculari o in modalità telematica
• consentite le prove selettive per il personale del servizio sanitario e per le prove abilitative per l’esercizio della professione di medico chirurgo o per il personale della protezione civile

Infografica 3
Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale

SCUOLA GUIDA
• consentiti i corsi abilitanti, le prove teoriche e pratiche sia negli uffici della motorizzazione civile che nelle autoscuole

ATTIVITA’ COMMERCIALI
• apertura degli esercizi commerciali nel rispetto della distanza interpersonale di 1 metro, accessi dilazionati, sosta all’interno dei locali per il tempo necessario all’acquisto dei beni
• chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ed eccezione delle farmacie, parafarmacie, vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole

BAR, PUB, RISTORANTI, GELATERIE E PASTICCERIE, RISTORAZIONE A DOMICILIO O ASPORTO, MENSE E RISTORAZIONE IN ALBERGHI
• apertura dei locali dalle ore 5 alle ore 18. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di 4 persone, salvo che siano conviventi
• obbligo di esporre numero massimo di persone ammesse nel locale
• apertura degli esercizi nelle aree di servizio e rifornimento carburante lungo le autostrade
• consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie
• consentita la ristorazione con asporto fino alle ore 22 con divieto di consumo sul posto o nelle vicinanze. Regioni e Province dovranno accertare la compatibilità con l’andamento della situazione epidemiologica
• consentita la ristorazione in alberghi e in strutture ricettive senza limiti di orario ai soli propri ospiti
• consentite le attività di mense e catering garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di almeno 1 metro

BANCHE, ASSICURAZIONI
• garantiti i servizi bancari, finanziari, assicurativi nel rispetto delle norme igienico sanitarie

SETTORE AGRICOLO, ZOOTECNICO
• garantite le attività del settore agricolo, zootecnico nel rispetto delle norme igienico sanitarie

OSPEDALI
• divieto di permanenza nelle sale di attesa dei dipartimenti di emergenza, accettazione e pronto soccorso agli accompagnatori dei pazienti
• accesso presso reparti di lungo degenza, ospitalità e residenze sanitarie assistite (RSA) consentito ai parenti e visitatori, nel rispetto dei casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura

Infografica 4
Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale

TRASPORTO PUBBLICO, VIAGGI E CROCIERE
• riduzione al 50% del coefficiente di riempimento del trasporto pubblico
• possibilità di riduzione, sospensione e limitazione dei servizi di trasporto, anche internazionale, dei servizi automobilistici, ferroviari, aerei, marittimi e nelle acque interne
• limitazioni agli spostamenti da e per l’estero (elenco E dell’allegato 20) obbligo di presentare una dichiarazione di arrivo per chi fa ingresso nel territorio italiano
• sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario e obblighi di sottoporsi a tampone (elenchi D, E ed F dell'allegato 20)
• obbligo di sottoporsi a test molecolare o antigenico da effettuarsi per mezzo di tampone al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine o ove possibile entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale
• obbligo per i vettori e armatori di verificare la temperatura prima dell’imbarco
• divieto di imbarco per coloro che manifestano uno stato febbrile
• obbligo di utilizzo dei mezzi di protezione individuali per equipaggio e passeggeri
• obbligo di dotare i passeggeri di mascherine nel caso ne fossero sprovvisti al momento dell’imbarco
• fruizione dei servizi di crociera solo da coloro che non siano sottoposti al rispetto di misure di sorveglianza sanitaria e che non abbiano soggiornato o transitato nei 14 giorni anteriori all’imbarco in Stati o territori di cui agli elenchi C, D, E e F dell’allegato 20

APP IMMUNI
• obbligo degli operatori sanitari del Dipartimento di prevenzione delle aziende sanitarie locali di caricare il codice chiave in caso di positività

VALUTAZIONE LIVELLO DI RISCHIO
• individuazione del livello di rischio e individuazione delle Regioni negli scenari “intermedio”, di “massima gravità” o “alto” con ordinanza del ministro della Salute, adottata sentiti i presidenti delle Regioni interessate, sulla base del monitoraggio dei dati epidemiologici
• verifica settimanale dei presupposti di appartenenza delle Regioni ai diversi scenari da parte del ministro della Salute. Le ordinanze sono efficaci per un periodo minimo di 15 giorni

Infografica 5
Ulteriori misure di contenimento del contagio su aree caratterizzate da elevata gravità e da livello di rischio alto

(La classificazione delle Regioni in uno dei tre scenari indicati è decisa con ordinanza del Ministro della Salute, sentite le Regioni interessate, sulla base dei parametri di riferimento stabiliti per valutare i dati epidemiologici ).
Per le Regioni che si collocano in uno “scenario di tipo 3” e con un livello di rischio “alto” le seguenti misure di contenimento si aggiungono a quelle valide su tutto il territorio nazionale:

SPOSTAMENTI DAI TERRITORI
• divieto di spostamento in entrata e uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro salvo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute
• consentiti gli spostamenti se strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza
• consentito il transito sui territori se necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni

TRASPORTI PUBBLICI E PRIVATI
• divieto di spostamento con trasporti, pubblici o privati, in comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze di lavoro, di studio e di salute, situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune

BAR, PUB, RISTORANTI, GELATERIE E PASTICCERIE
• sospensione dei servizi di ristorazione (bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie) ad esclusione delle mense e catering

RISTORAZIONE A DOMICILIO O ASPORTO
• consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie
• consentita la ristorazione con asporto fino alle ore 22 con divieto di consumo sul posto o nelle vicinanze
• apertura degli esercizi nelle aree di servizio e rifornimento carburante lungo le autostrade

Infografica 6
Ulteriori misure di contenimento del contagio su aree caratterizzate da massima gravità e da livello
di rischio alto

(La classificazione delle Regioni in uno dei tre scenari indicati è decisa con ordinanza del Ministro della Salute, sentite le Regioni interessate, sulla base dei parametri di riferimento stabiliti per valutare i dati epidemiologici).
Per le Regioni che si collocano in uno “scenario di tipo 4” e con un livello di rischio “alto” le seguenti misure di contenimento si aggiungono a quelle valide su tutto il territorio nazionale:

SPOSTAMENTI DAI TERRITORI
• divieto di spostamento da una Regione all’altra, da un Comune all’altro e anche all’interno
del proprio Comune, in qualsiasi orario, salvo per comprovate esigenze lavorative, situazioni
di necessità o per motivi di salute
• consentiti gli spostamenti se strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica
in presenza
• consentito il transito sui territori se necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti
a restrizioni

ATTIVITA’ COMMERCIALI
• sospensione di tutte le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità
• sospensione dei mercati salvo per le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari
• apertura delle edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri
• sospensione delle attività dei centri estetici

BAR, PUB, RISTORANTI, GELATERIE E PASTICCERIE
• sospensione dei servizi di ristorazione (bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie) ad esclusione delle mense e catering

RISTORAZIONE A DOMICILIO O ASPORTO
• consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie
• consentita la ristorazione con asporto fino alle ore 22 con divieto di consumo sul posto o nelle vicinanze
• apertura degli esercizi nelle aree di servizio e rifornimento carburante lungo le autostrade

SPORT, PALESTRE E IMPIANTI SCIISTICI
• sospensione di tutte le attività svolte nei centri sportivi all’aperto
• consentita l’attività motoria in prossimità della propria abitazione rispettando la distanza di almeno 1 metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie
• consentito lo svolgimento dell’attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale

SCUOLA E UNIVERSITA’
• consentito lo svolgimento delle attività scolastiche per scuola dell’infanzia, primaria e primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado
• adozione di forme di didattica a distanza per tutte le altre istituzioni scolastiche, fatta salva la possibilità di svolgere le attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per realizzare l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali
• sospensione della frequenza delle attività formative delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica
• consentiti i corsi per medici in formazione specialistica, i corsi di formazione specifica in medicina generale, nonché le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie

LAVORO
• limitazione della presenza del personale nei luoghi di lavoro esclusivamente per le attività indifferibili

Torna all'inizio del contenuto